Dai CSPcamp ai Living Labs

Già negli anni precedenti all’esplosione di Google, Youtube e Facebook, CSP sviluppava ricerca su temi che vedevano il collaborative working e lo user generated content, con l’obiettivo di applicare i concetti tipici del web 2.0 a progetti di pubblica utilità realizzati con soci e partners.

CSP sperimentava inoltre al suo interno, sistemi online di condivisione risorse e collaborative working, partecipando attivamente alle community di open source software e istituendo il CSPCamp, un appuntamento annuale interno sullo stile del Barcamp, nel frattempo diventato moda in tutto il mondo; un momento di condivisione nel quale ognuno potesse mettere in gioco le proprie idee di progetto, anche le più audaci e confrontarle con un audience di colleghi per eleggere quella più meritevole di un investimento, trasformandola così in un progetto vero.

Questa stessa filosofia di collaborative working veniva applicata a partner locali, nazionali e internazionali dando vita ai primi progetti di Living Labs; un modello di lavoro che prevede pianificazione e progettazione svolte per il territorio, ma anche con il territorio. Tra questi, il progetto Valli Orco e Soana, dove anche grazie all’esperienza maturata in ambito networking, nella progettazione di reti miste e soprattutto wireless, CSP è riuscito a portare connettività internet, TV digitale e altri servizi innovativi in un territorio montano caratterizzato da elevato digital divide, coinvolgendo poi gli attori locali nella realizzazione di un sistema integrato di comunicazione multicanale: OrsoTV.